Come abbassare il pH in acquario. Quando e perché intervenire con l'acqua dolce

Quando si è principianti dell’acquariofilia, ci vengono date tante informazioni ma nessuno ci spiega come abbassare il pH dell’acquario.

Tuttavia, conoscere come intervenire sul pH in caso di necessità è molto importante per la salute dei nostri amati pesci.

Forse potrebbe sembrare complicato, ma tranquillo, sono qui per rendere tutto più facile, tutto quello che ti serve è una guida pratica e dettagliata.

Proseguendo con la lettura imparerai ad abbassare il pH nel tuo acquario dolce usando i metodi più efficaci, senza doverti impazzire tra tante informazioni frammentarie.

Diventerai un esperto del pH pronto ad apportare le modifiche necessarie al tuo acquario quando ne avrai bisogno.

Massimiliano Tavana
Massimiliano Tavana

Appassionato di acquariofilia

Fammi una domanda
Massimiliano Tavana
Massimiliano Tavana

Appassionato di acquariofilia

Fammi una domanda
Contenuti

Quando abbassare il pH dell'acquario

Alcuni pesci prosperano in un ambiente con pH più basso, mentre altri si sentono più a loro agio in acque leggermente più alcaline.

La scala del pH va da 0 a 14, dove 7 è neutro.

Ma attenzione, è un sistema logaritmico, il che significa che anche una piccola variazione può avere grandi effetti.

Ad esempio, un pH di 5 è dieci volte più acido di un pH di 6, e un pH di 4 è cento volte più acido di un pH di 6.

Ogni specie di pesce ha le proprie preferenze di pH, derivate dall’habitat naturale in cui si sono evolute.

Questo è il motivo per cui è essenziale controllare e mantenere il pH all’interno del range ideale per i tuoi pesci.

Puoi fare un il test del pH con la comoda e precisa penna digitale Nekano.

Quando il pH dell’acqua inizia a salire al di sopra di questi valori ottimali, potrebbero manifestarsi alcune delle malattie dei pesci d’acquario.

Ad esempio, un pH troppo alto può causare danni alle branchie dei pesci e altre complicazioni.

Quindi, se noti che il pH dell’acqua si sta spostando al di fuori del range consigliato per le tue specie di pesci, è il momento di agire prontamente per correggerlo.

In questi casi, abbassare il pH, non solo è importante per il benessere dei tuoi animali, ma anche per mantenere equilibrato l’ecosistema del tuo acquario.

Come abbassare il pH in acquario dolce: 4 opzioni facili

Ora che sai quando e perché, vediamo come abbassare il pH nel tuo acquario dolce.

Non ti preoccupare, non dovrai diventare un chimico!

Ti darò 4 opzioni per farlo facilmente con prodotti per acquario non invasivi. 

Ma, prima di tutto, una piccola nota importante:

Devi abbassare gradualmente il pH nel tuo acquario.

I cambiamenti improvvisi possono mandare in tilt l’equilibrio dell’acqua e causare problemi ai tuoi pesci e alle altre creature acquatiche.

Quindi, la chiave è la pazienza. Meglio procedere lentamente e costantemente, anziché fare tutto in una volta.

La torba per abbassare il pH

La torba è ricca di tannini che abbassano il pH dell’acqua.

Per una maggiore efficacia e per evitare che se ne vada in giro per l’acquario mettila nel filtro e lascia che acidifichi l’acqua.

Abbasserà il pH in modo graduale in base a quanta ne metti.

Potresti notare che l’acqua diventa un po’ gialla, ma non preoccuparti, è normale.

Utilizzare questo metodo è molto semplice:

  1. aggiungi un po’ di torba
  2. attendi
  3. testa i valori dell’acqua
  4. aggiungi altra torba se il pH non ha ancora raggiunto il livello di pH desiderato

I legni

Se non hai problemi di spazio, l’inserimento dei legni è un altro modo naturale per abbassare il pH in acquario. 

Oltre ad acidificare l’acqua con il rilascio dei tannini i legni forniscono anche nascondigli ai tuoi pesci.

Assicurati solo che siano adatti all’acquario e non trattati con sostanze chimiche come i legni specifici per terrari e paludari che potrebbero essere nocivi.

Se li prendi in natura ricorda di farli bollire.

Foglie di catappa

Come abbassare il pH in acquario con le foglie di catappa
Foglie di catappa

Le foglie di catappa, non solo abbassano il pH acidificando l’acqua con il rilascio di tannini ma offrono anche protezione dall’infezione batterica.

Come per la torba aggiungile gradualmente, testa i valori dell’acqua ed eventualmente aggiungi altre foglie di catappa.

Puoi sbriciolarle direttamente in acquario.

L'osmosi inversa

Questa è una soluzione più avanzata e costosa, ma fornisce un controllo completo sui parametri dell’acqua mantenendo condizioni altamente stabili.

Rimuove sostanze chimiche, impurità e potrai abbassare con precisione il pH del tuo acquario.

Se vuoi utilizzare questo metodo ti consiglio l’impianto della Measury in grado di purificare fino a 190 litri di acqua al giorno.

I benefici del cambio dell'acqua anche per il pH

Il cambio dell’acqua dell’acquario è un’operazione fondamentale che va inserita nella routine di gestione.

Non solo mantiene l’acqua pulita e sana per i pesci ma aiuta a tenere sotto controllo il pH dell’acquario facilitando gli interventi appena visti per abbassarlo.

La lettura del post Come cambiare l’acqua dell’acquario facilmente ti aiuterà a risparmiare tempo e fatica 

Accertati dei parametri dell'acqua con test affidabili

Non c’è nulla di più importante della precisione quando si tratta di testare l’acqua del tuo acquario.

Un errore comune tra i nuovi appassionati di acquari è affidarsi a kit di test poco accurati (i peggiori sono quelli a fascette), che possono fornire letture false o sbagliate.

Questo può portare a decisioni sbagliate, come cercare di abbassare il pH quando in realtà non è necessario o rischiare l’esplosione della nebbia batterica in acquario.

In sostanza, potresti finire per mettere a rischio la salute dei tuoi pesci e degli altri abitanti del tuo acquario senza nemmeno accorgertene.

Quindi, per evitare guai, assicurati di investire in un kit di test affidabile e di qualità. Questo ti consentirà di prendere decisioni informate e di mantenere un ambiente acquatico ottimale per i tuoi preziosi amici pinnuti.

Se hai esigenze particolari puoi scegliere tra diversi kit per il test dei parametri dell’acqua.

Ho selezionato i migliori con tutte le informazioni per aiutarti a trovare quello che fa al caso tuo. Se vuoi dargli un’occhiata clicca qui

Se invece non sai quale scegliere, ti consiglio il mio preferito, il JBL Combiset Test.

È affidabile, facile da usare e ti permette di analizzare i valori essenziali per il tuo acquario.

Conclusione

In questo articolo, abbiamo affrontato un tema cruciale per gli amanti dell’acquario: come abbassare il pH in acquario dolce e perché è importante farlo.
Con una panoramica dettagliata sulle ragioni per intervenire sul pH, abbiamo esaminato quattro opzioni efficaci e naturali, dal ricorso alla torba all’utilizzo di legni, foglie di catappa e l’osmosi inversa.
Inoltre, abbiamo sottolineato l’importanza del cambio dell’acqua e dell’utilizzo di test affidabili per monitorare i valori del pH.
Mantenere un ambiente ottimale per i nostri amici acquatici non è solo un dovere, ma anche una gioia.
Se hai bisogno di consulenza personalizzata per il tuo acquario, non esitare a contattarmi per una video chiamata 1 a 1.
Sono qui per aiutarti a creare l’ambiente ideale per i tuoi amati compagni acquatici.
 
Naturalmente sono sempre aperto a discutere nuovi sistemi e, se ne conosci qualcuno che hai provato con successo per abbassare il pH, condividilo nei commenti per continuare a cresce insieme.  
 
 

CONDIVIDI IL POST

POST CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ciclidi e Assistenza Differenti per  Passione!

Aiuto personalizzato pre e post acquisto

Video, foto, schede e approfondimenti

Consulenza privata 1 a 1

Per un aiuto personalizzato, ti consiglio di dare un’occhiata al mio servizio di consulenze private 1 a 1.
Un ottimo modo per ottenere subito risposte dirette alle domande per il tuo caso specifico.

Se hai problemi non lasceremo nulla di intentato e ci assicureremo di fornire le soluzione alla tua preoccupazione.

Se stai iniziando da zero creeremo insieme un acquario bello e armonioso prevenendo ogni grattacapo futuro.

Con la fotocamera potrai mostrarmi il tuo acquario, l’attrezzatura o i pesci specifici che potrebbero causarti problemi o potrebbero averne.
In più, potrò mostrarti le mie vasche per rendere più semplici le istruzioni che ti darò.

Online, come in questo sito e tutti i canali social di Cichlidream, puoi imparare tutto da solo e GRATIS!
Ma a volte la comunicazione 1 a 1 può essere molto più chiara, precisa e veloce per le tue domande più specifiche.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 2 Media: 4.5]

Il guadagno che posso ricevere dagli acquisti idonei da Amazon in qualità di Affiliato non influisce sul prezzo del prodotto.

TRASFORMA IL TUO ACQUARIO IN UN ANGOLO DI PARADISO

Ti invierò la guida direttamente al tuo indirizzo email. Inseriscilo qui sotto e accedi alla guida.