Idropisia pesci in difficoltà
I pesci gonfi a causa dell'idropisia

L’idropisia nei pesci è una malattia che denota sintomi di squilibrio che minacciano la salute del pesce.

Si manifesta principalmente con gonfiore addominale, squame divaricate e letargia.

È una problematica insidiosa che terrorizza gli acquariofili. 

Nel pesce con idropisia, la cura va somministrata tempestivamente per non rischiare gravi conseguenze.

Ma niente panico. In questo articolo, ti guiderò in un percorso completo per comprendere e affrontare l’idropisia:

Scoprirai:

  • I sintomi inequivocabili: come riconoscere l’idropisia in modo tempestivo per intervenire con urgenza.
  • Le possibili soluzioni: cure specifiche naturali, farmaci e strategie di supporto per salvare i tuoi pesci.
  • Le cause scatenanti: batteri, virus, parassiti… nemici invisibili che possono compromettere la salute del tuo acquario.
  • Prevenzione: la chiave per la vittoria: consigli pratici per creare un ambiente acquatico sicuro e protetto.

Mai più pesci gonfi

Troverai anche consigli pratici e un piano d’azione immediato per mettere in pratica le tue conoscenze e salvare i tuoi pesci dall’idropisia.

Agisci subito! Il tempo è prezioso quando si tratta della salute dei tuoi amici acquatici.

Ricorda:

  • Consulta sempre un veterinario esperto in pesci per una diagnosi e un trattamento personalizzati.
  • Le informazioni fornite in questo articolo non sostituiscono il consiglio veterinario.
 

Insieme, possiamo sconfiggere l’idropisia  nei nostri amici pinnuti, evitare che diventino pesci gonfi e proteggere il tuo piccolo ecosistema acquatico!

Picture of Massimiliano Tavana
Massimiliano Tavana

Appassionato di acquariofilia

Fammi una domanda
Picture of Massimiliano Tavana
Massimiliano Tavana

Appassionato di acquariofilia

Fammi una domanda

Idropisia pesci, i sintomi della malattia

Prima di pensare alla cura dell’idropisia occorre essere sicuri che i nostri pesci siano realmente affetti da questa malattia.

È quindi  fondamentale riconoscere i sintomi tempestivamente per poter curare dall’idropisia il pesce.

I sintomi più comuni:

  • Pesci gonfi: tra i sintomi il più evidente è l’aumento di volume dell’addome del pesce, che può assumere un aspetto “gonfio” o “a pigna”.
  • Occhi sporgenti: un altro segno distintivo è il gonfiore degli occhi, che possono apparire sporgenti e fuori orbita.
  • Squame divaricate: le squame del pesce possono sollevarsi e divaricarsi a causa dell’accumulo di liquidi sotto la pelle.
  • Colorazione anomala: le branchie possono perdere il loro colore naturale e assumere una tonalità più scura o grigiastra.
  • Comportamento anomalo: il pesce può apparire letargico, inattivo, con scarso appetito e difficoltà respiratorie.
 

Altri sintomi possibili:

  • Bloccaggio delle pinne
  • Curvatura della colonna vertebrale
  • Feci pallide o biancastre
  • Gonfiore vicino all’ano
  • Perdita di colore generale
  • Respiro affannoso

 

Cura dell'idropisia del pesce: cosa fare

Non esiste una cura dell’idropisia del pesce immediata e va gestita in più fasi.

I risultati varieranno a seconda della gravità del caso di idropisia, ma con questa cura offrirai ai tuoi pesci le migliori possibilità di guarigione dalla malattia.  

Ricorda che l’arma migliore è la tempestività. Prima agisci e maggiori saranno le chances per guarire i pesci.

Isola il pesce malato

Prima di iniziare a curare il tuo pesce malato dovrai spostarlo in un piccolo ed economico acquario per la quarantena.

Anche se l’idropisia normalmente non è una malattia contagiosa (solo in caso di morte del soggetto colpito), rimuovere il pesce malato consente di fornire un trattamento diretto evitando cure e disturbi inutili agli altri pesci. 

L’acquario di quarantena dovrebbe essere privo di decorazioni per facilitare la cura dell’idropisia e l’osservazione.

Idropisia cura del sale e termoterapia

Se la malattia non è in stato avanzato, prima di somministrare dei farmaci, cura l’idropisia nei pesci con metodi naturali.

La termoterapia associata alla cura del sale non iodato (o sale inglese), offre ottimi risultati.

Il sale è utile per trattare l’idropisia perché può estrarre parte dell’acqua e dei liquidi che si accumulano nel corpo. 

  1. Trasferisci il pesce nella casca di quarantena con un buon aeratore
  2. Introduci 1,5 g di sale non iodato per ogni litro di acqua
  3. Aumenta la temperatura fino a 30° alzandola di 1° ogni ora
  4. Dopo 3 giorni fai il cambio del 50% dell’acqua 
  5. Mantieni la temperatura a 30° finché il pesce non migliora
  6. Quando noti i miglioramenti riporta la temperatura ai valori normali con la stessa gradualità utilizzata per alzarla
 
In caso di dubbi guarda il video che segue.

Guarda il video della cura del sale

L'importanza di una dieta sana nella cura dell'idropisia nei pesci

Fornire una dieta sana e completa è un elemento fondamentale per la cura dell’idropisia nei pesci.

Proprio come per noi umani, una corretta alimentazione fornisce al loro corpo le risorse di cui necessita per combattere la malattia e ripristinare la salute.

Immagina di affrontare un’influenza grave mangiando solo cibo spazzatura.

Le tue probabilità di guarigione sarebbero drasticamente ridotte.

Lo stesso vale per i pesci affetti da idropisia: una dieta povera o inadeguata compromette il loro sistema immunitario e ostacola il processo di guarigione.

Al contrario, una dieta ricca di nutrienti e vitamine essenziali:

  • Fornisce l’energia necessaria per combattere l’infezione.
  • Favorisce la rigenerazione dei tessuti danneggiati.
  • Rafforza il sistema immunitario del pesce.
  • Aiuta a prevenire la comparsa di ulteriori complicazioni.
 

La dieta ideale varia a seconda della specie del pesce.

È importante quindi informarsi sulle specifiche esigenze nutrizionali del tuo animale domestico.

In generale, una dieta sana per pesci dovrebbe includere:

La cura dell'idropisia nei pesci con i farmaci

Se le cure naturali non migliorano la situazione o l’idropisia è già a un livello avanzato, l’ultima opzione è la cura farmacologica.

Ricorda:

  • Non è sempre necessaria: L’efficacia della cura antibiotica dipende dalla gravità del caso e dalla risposta del pesce ad altri trattamenti.
  • Richiede attenzione: È importante seguire scrupolosamente le istruzioni del prodotto per dosare correttamente il farmaco.
  • Può avere effetti collaterali: Come per tutti i farmaci, si possono avere effetti collaterali sui pesci.

Come scegliere l'antibiotico giusto

  • Consulta un veterinario esperto in pesci: Potrà consigliarti il prodotto più adatto alla specie del tuo pesce e alla gravità dell’infezione.
  • Scegli un prodotto affidabile: Esistono diverse marche di antibiotici per pesci, non tutte ugualmente efficaci. Leggi le recensioni e affidati a brand con una buona reputazione.
  • Segui le istruzioni con attenzione: Non superare il dosaggio consigliato e non interrompere il trattamento prima del tempo.

Esempio di farmaci efficaci

  • API MELAFIX:Questo prodotto contiene estratto naturale di tea tree, noto per le sue proprietà antibatteriche e antinfiammatorie. È sicuro per i pesci e può essere utilizzato anche per trattare altre malattie.
  • RIVAMOR: Questo antibiotico è indicato per il trattamento delle infezioni batteriche (Stafilococchi e Streptococchi), micotiche (Saprolegnia e Achlya) ed ectoparassitarie (Costia e Oodinium).

Ovviamente non ci sono garanzie per quanto riguarda i farmaci. Abbiamo visto che non è una vera e propria malattia e non esiste una cura per l’idropisia, ma API MELAFIX ti darà i risultati migliori.

 

Che cos'è l'idropisia nei pesci

Ora che sai come prenderti cura dei pesci vediamo cos’è l’idropisia.

Per dirla semplicemente, è una condizione che si presenta con i disturbi che abbiamo visto all’inizio del post.

È molto più comune sentire parlare di un pesce rosso malato di idropisia ma in realtà può colpire anche tante altre varietà di pesci.

Le manifestazioni dei sintomi aumentano con l’aumentare della gravità della malattia fino a portare alla morte del pesce colpito.

Nella maggior parte dei casi, l’idropisia non è contagiosa. Tuttavia, ricorda sempre di isolare il pesce malato per le ragioni che abbiamo visto.

Le cause dell'idropisia

Il maggiore responsabile dell’idropisia è un batterio chiamato Aeromonas.

Tuttavia, questo è un batterio innocuo e sempre presente nel tuo acquario.

I problemi nascono quando nei pesci si abbassano le difese immunitarie.

Quindi la vera causa è una cattiva gestione dell’acquario e non il batterio in questione.

I veri colpevoli sono:

  • Scarsa qualità dell’acqua
  • Temperatura dell’acqua non costante
  • Presenza di nitriti e ammoniaca
  • Dieta povera
 

Tutte cose che dipendono esclusivamente da noi e quindi risolvibili.

Se hai già scaricato la guida gratuita ACQUARIO FACILE: 19 regole per non sbagliare nulla sai già come gestire il tuo acquario per evitare questo e tanti altri problemi.

Come prevenire l'idropisia

Dalla lettura del paragrafo sulle cause, puoi facilmente immaginare che, per prevenire l’idropisia nei pesci, è di fondamentale importanza mantenere un’ottima qualità dell’acqua del tuo acquario:

  • Nitriti e ammoniaca stabili
  • Cambi dell’acqua regolari
  • Filtraggio adeguato
  • Evitare l’eccesso di scarti organici causati dalla sovralimentazione
 

Prima di inserire i pesci aspetta che avvenga la maturazione dell’acquario.

Testa i parametri dell’acqua regolarmente per poter agire con tempestività. Ad esempio, potresti accorgerti di dovere  abbassare il pH in acquario.

Inoltre è importante nutrire i tuoi pesci con una dieta di qualità, varia e completa.

Infine, fai tutto il necessario per fare nuotare i tuoi pesci in serenità evitando situazioni stressanti.

Lo stress è la prima causa dell’abbassamento delle difese immunitarie e un sistema immunitario basso è il preludio della maggior parte delle malattie per i pesci d’acquario.

Idropisia nei pesci: Conclusione

L’idropisia nei pesci è un problema serio, ma non significa necessariamente una condanna a morte per i tuoi amici acquatici.

Con un’attenta osservazione, un trattamento tempestivo e una corretta gestione dell’acquario, puoi evitare che diventino pesci gonfi, squamati e tutti i possibili  sintomi di questa malattia.

In questo articolo hai trovato:

  • Informazioni complete sull’idropisia: cos’è, come si manifesta, quali sono le cause e le possibili cure.
  • Un piano d’azione immediato: come riconoscere i primi segnali di pericolo, come allestire un acquario di quarantena e quali trattamenti utilizzare.
  • Consigli pratici per la prevenzione: come mantenere un’acqua di alta qualità, fornire una dieta sana e ridurre lo stress dei tuoi pesci.
 

Ricorda:

  • Agisci con tempestività: il tempo è prezioso quando si tratta della salute dei tuoi pesci.
  • Consulta sempre un veterinario esperto in pesci: potrà fornirti una diagnosi precisa e consigli personalizzati per il tuo caso specifico.
  • Iscriviti alla mia newsletter: riceverai consigli gratuiti per la cura dei tuoi pesci e la gestione dell’acquario.
 

Se hai bisogno di un aiuto personalizzato per risolvere un problema specifico con i tuoi pesci, sarò felice di offrirti una consulenza privata.

Insieme, possiamo valutare la situazione e trovare la soluzione migliore per la salute dei tuoi amici acquatici.

Scegli il giorno e l'ora che preferisci: faremo una chiacchierata su Google Meet o WhatsApp per realizzare insieme un nuovo progetto o rendere il tuo acquario armonioso e di facile gestione.

CONDIVIDI IL POST

Ciclidi e Assistenza Differenti per  Passione!

Aiuto personalizzato pre e post acquisto

Video, foto, schede e approfondimenti

Consulenza privata 1 a 1

Per un aiuto personalizzato, ti consiglio di dare un’occhiata al mio servizio di consulenze private 1 a 1.
Un ottimo modo per ottenere subito risposte dirette alle domande per il tuo caso specifico.

Se hai problemi non lasceremo nulla di intentato e ci assicureremo di fornire le soluzione alla tua preoccupazione.

Se stai iniziando da zero creeremo insieme un acquario bello e armonioso prevenendo ogni grattacapo futuro.

Con la fotocamera potrai mostrarmi il tuo acquario, l’attrezzatura o i pesci specifici che potrebbero causarti problemi o potrebbero averne.
In più, potrò mostrarti le mie vasche per rendere più semplici le istruzioni che ti darò.

Online, come in questo sito e tutti i canali social di Cichlidream, puoi imparare tutto da solo e GRATIS!
Ma a volte la comunicazione 1 a 1 può essere molto più chiara, precisa e veloce per le tue domande più specifiche.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 1 Media: 5]

Il guadagno che posso ricevere dagli acquisti idonei da Amazon in qualità di Affiliato non influisce sul prezzo del prodotto.

TRASFORMA IL TUO ACQUARIO IN UN ANGOLO DI PARADISO

Ti invierò la guida direttamente al tuo indirizzo email. Inseriscilo qui sotto e accedi alla guida.